Parrocchia Porto

Chiesa S. Maria del Ponte al Porto – Senigallia

Don Zaccaria

don Zaccaria Nabile, con don Mario Cecchini (a sinistra) e don Secondo Pierpaoli in occasione della sua prima visita a Senigallia - 1978

don Zaccaria Nabile, don Mario Cecchini a sinistra e don Secondo Pierpaoli in occasione della sua prima visita a Senigallia – 1976

Nel 1976, Zaccaria Nabile era un giovane sacerdote del Ghana che aveva studiato, prima nel suo paese e poi a Roma, grazie anche al sostegno e all’aiuto economico della parrocchia del Porto. All’epoca era parroco don Secondo Pierpaoli (che ormai solo i più grandi ricordano…) e don Zaccaria aveva fatto una visita a Senigallia, accolto dagli adulti e dai ragazzi della parrocchia. Negli anni successivi don Zaccaria è stato parroco in diverse località del suo Paese, ma ha sempre mantenuto i contatti con i suoi amici di Senigallia: è tornato altre volte in Italia e ha continuato a scrivere alle persone che lo avevano conosciuto.

A differenza di tanti altri sacerdoti africani sostenuti finanziariamente negli studi da comunità del nostro Paese, che tuttavia, dopo la fine del rapporto di aiuto economico, si sono persi di vista, don Zaccaria non ha mai smesso di raccontare di sé, di inviare gli auguri per le festività più importati, di stare vicino ai suoi amici italiani. Tutti noi abbiamo sempre percepito che era molto più di un semplice atteggiamento di riconoscenza (quello che tanti africani hanno coi loro “benefattori” europei), era una vera e propria amicizia, alimentata con l’esperienza del rapporto personale.

E’ stato con noi dai primi di dicembre all’inizio di gennaio 2011  ed ha vissuto nella nostra parrocchia il periodo dell’Avvento e del Natale. Durante questo mese, ha incontrato moltissimi parrocchiani, sia in occasione di incontri di gruppo che personalmente. Tanti di noi l’hanno invitato a pranzo o a cena, e gli hanno fatto conoscere, ancor più che in occasione delle visite precedenti, le nostre tradizioni, i nostri piatti, le realtà delle nostre famiglie. Zaccaria è diventato uno di casa, ha imparato ad esprimersi in italiano, ha apprezzato tutto, dal cibo (soprattutto la pasta) alla città, fino a sperimentare la neve, che è caduta abbondante alla fine di dicembre e che era per lui una grossa novità. Ha partecipato alle nostre messe e alle tante celebrazioni del periodo di Natale, ha incontrato i ragazzi, gli adulti, gli associati dell’Azione Cattolica, gli altri sacerdoti della Diocesi. Ha portato l’Eucarestia nelle case dei malati e degli anziani, ha chiacchierato con tanti e si è interessato della vita di tutti noi.

La sua presenza è stata un regalo grande e l’impegno che abbiamo messo per ospitarlo e fargli compagnia durante la visita è stato sempre ricambiato dalla profonda gratitudine e dall’affetto che ci ha sempre manifestato.

Don Zaccaria ha sempre affermato che la nostra parrocchia è stata come una “madre” spirituale, perché la sua fede ed il suo impegno pastorale si sono rafforzati non solo con l’aiuto materiale ma soprattutto con il sostegno, la vicinanza e l’amicizia delle persone che a Senigallia hanno creduto in lui, lo hanno accolto, amato ed aiutato. Anche noi siamo però accresciuti, nella nostra fede e nella nostra umanità, da questo sacerdote che ci ha comunicato ogni giorno la sua gioia di essere testimone di Cristo, l’impegno instancabile con i poveri e i bisognosi (e nelle sue parrocchie sono tanti), la fantasia e la fiducia in un’azione ecclesiale che avvicini al Vangelo soprattutto i giovani.

Continueremo a tenere i contatti con lui e a fargli sentire la nostra vicinanza: concretamente, possiamo aiutarlo nella costruzione del Centro per la Gioventù che sta progettando nella sua parrocchia, dove c’è bisogno di un luogo di aggregazione, di promozione umana e di formazione religiosa per i ragazzi. Si tratta di un progetto impegnativo, anche perché la parrocchia di Daffiema si trova in un territorio molto povero, ma che ha trovato già la collaborazione dei parrocchiani (che si danno da fare con sabbia, pietre e mattoni). Il nostro aiuto sarà senz’altro gradito da tutti!

Archivio notizie don Zaccaria